Archivio per la Categoria “Fantasy”

domenica, maggio 9, 2010 Categorie: Fantasy, In evidenza

Le razze del Fantasy

Scopripista di Quirion - ©Rebecca Guay

Scopripista di Quirion - ©Rebecca Guay


Nel Fantasy √® presente una gran variet√† di creature e di razze¬† immaginarie, sia prese dalle mitologie dei popoli antichi (ellenica, norrena, orientale, etc.) sia completamente inventate. La mitologia antica √® piena di creature, mostri di fantasia con i quali se le deve vedere l’eroe di turno, quindi il fatto che i moderni racconti fantasy aggiungano nuove creature ai “bestiari” mi pare del tutto normale. La cosa invece da evidenziare √® l’evoluzione che hanno avuto nella storia della letteratura le “razze” come quella degli¬†elfi e dei nani. Infatti nelle mitologie antiche come quella greca o come quelle nordiche, queste nascono non come razze “umane”, ma come creature magiche, ¬†spiriti, estranei e lontani dall’umanit√† come lo possono essere le divinit√†:¬† di razza “umana” ce n’√® una soltanto, il resto fa parte di un mondo¬†mitico e leggendario quasi sempre invisibile ai pi√Ļ e¬†con il quale¬†solo gli eroi possono interagire. [...] Continua »
giovedì, maggio 6, 2010 Categorie: Fantasy, In evidenza

I Draghi

Drago bianco

Drago bianco

Il drago √® una creatura mitico-leggendaria presente nell’immaginario collettivo di tutte le culture del mondo, ha tratti distintivi ricorrenti e altri singolari caratteristici delle leggende a cui appartengono. Tipicamente il drago √® visto come una creatura appartenente alla classe dei rettili, ha sangue freddo, √® carnivoro e depone le uova e generalmente pu√≤ volare. Gi√† con Omero si cita un “drago”, un animale fantastico con una vista acuta, l’agilit√† di un’aquila e la forza di un leone, rappresentato come un serpente con zampe e ali. Ercole uccide l’Idra di Lerna, una sorta di drago senza ali e con nove teste, il suo sangue e il suo fiato erano un veleno mortale, se una delle sue teste veniva tagliata ne rispuntavano subito due al suo posto. In oriente ha il corpo lungo e serpentiforme, ricoperto da peluria e da squame, senza ali ma comunque capace di volare, ha una sorta criniera e gli artigli da leone, tipicamente possiede sul muso dei lunghi baffi filiformi e una cresta che lo percorre in tutta la sua lunghezza, lungo la schiena. [...] Continua »
giovedì, maggio 6, 2010 Categorie: Fantasy

I Troll

Trattandosi di una figura evolutasi in un contesto di tradizioni orali e grande dispersione geografica, le sue caratteristiche fisiche e comportamentali non sono codificate con precisione. Normalmente viene descritto come una creatura ruvida, irsuta e rozza, dotata di un grosso naso e di una coda dal folto pelo e con solo quattro dita per ogni mano o piede, può rendersi invisibile e solo i bambini possono vederlo. In linea di massima, a seconda del filone folkloristico di provenienza, è possibile identificare due tipi di troll: uno simile a un orco, solitario con un aspetto orripilante (anche con due teste) e dal comportamento maligno violento, quando viene colpito dalla luce del sole diventa di pietra; e uno simile ad un goblin o ad uno gnomo del folclore, dal comportamento benevolo e mattacchione che vive insieme ad altri della stessa specie.
Si racconta che i troll rubino i bambini alle famiglie mentre dormono e mettano nel letto un altro bambino, oppure un cucciolo di troll. [...] Continua »
giovedì, maggio 6, 2010 Categorie: Fantasy

I Goblin

Caratterizzati da una bassa statura, erano accusati di rapire durante la notte donne e bambini, sostituendo questi ultimi con i propri mostruosi figli. Talvolta compaiono sotto forme animali, il che rispecchia la loro natura bestiale. I goblin sono tentatori e usano spesso i frutti proibiti del regno delle fate per attirare le loro vittime. Vivono spesso in grotte sotteranee.
I goblin sono rappresentati come piccole creature umanoidi dalla pelle marroncina, ma che pu√≤ variare dall’arancio al rosso scuro, e dai lineamenti appuntiti. Spesso cavalcano mostruosi pipistrelli divertendosi a lanciare zucche marce alle povere vittime. [...] Continua »
giovedì, maggio 6, 2010 Categorie: Fantasy

Gli Gnomi

Gnomo del folclore europeo

Gnomo del folclore europeo

Il termine “gnomo” venne introdotto nella Magia Rinascimentale e nell’alchimia¬† per indicare uno spirito ctonio, in seguito il termine √® stato utilizzato nella letteratura Fantasy ed adottato nel folklore europeo per designare spiritelli legati alla terra.
Paracelso fu fra i primi a menzionare gli gnomi, facendone derivare il nome dalla radice greca gnosis (“conoscenza”). Paracelso considerava gli gnomi spiriti della terra e del sottosuolo, e sosteneva che potessero spostarsi all’interno del terreno con la stessa facilit√† con cui gli uomini camminano sopra di esso. Inoltre, sempre secondo Paracelso, i raggi del Sole hanno il potere di trasformare gli gnomi in pietra. Tutti questi elementi sono anche tipici dei nani della mitologia nordica; queste due figure sono in effetti spesso sovrapposte e difficilmente distinguibili anche nel folklore e nella letteratura Fantasy. Talune fonti confondono anche gli gnomi con altre creature fantastiche (soprattutto dei boschi), per esempio elfi e goblin. [...] Continua »